Ugento, il Premio Messapia da parte dei giovani torna il 4 settembre in Piazza San Vincenzo

I giovani organizzatori: «Sarà un’edizione piena di sorpese»

Tra riunioni, prime prove e ospiti di calibro nazionale si delinea la seconda edizione del Premio Messapia, la serata-spettacolo finalizzata a conferire un premio a persone che si sono distinte nei campi dello spettacolo, della solidarietà, dello sport, del sociale sia a livello pugliese che a livello nazionale ed internazionale.

La serata di premiazione si terrà nella splendida cornice di Piazza San Vincenzo ad Ugento in data sabato 4 settembre 2021.

L’evento, organizzato dalla Pro Loco Beach Junior (costola della Pro Loco Beach Gemini) ha come particolarità quella di essere pensato e predisposto interamente da giovanissimi che, costituendo una commissione, hanno individuato le personalità cui assegnare l’onorificenza.

La manifestazione torna in scena dopo un anno di stop dovuto alla crisi pandemica. Tra i tanti premiati dell’edizione 2019, andata in scena a Torre Mozza, c’erano Renata Fonte, le Ciciri e Tria, Massimo Colaci, Mirko Corsano e Luce Orsi.

Sul palco della seconda edizione i giovani ugentini coinvolti si concentreranno sui temi del sociale, dello sport e dell’antimafia, alternando momenti di riflessione a momenti di puro varietà.

Gli ospiti, in fase di definizione, saranno annunciati prossimamente.

La mission del progetto è quella di far conoscere storie, raccontare esperienze e talenti che possano fungere da esempio per la cittadinanza.

Spazio, come sempre, alla valorizzazione del territorio con i riconoscimenti conferiti a personalità legate alla Città di Ugento e i percorsi turistici che coinvolgeranno gli ospiti e permetteranno loro di calarsi nella storia della città.

«Stiamo lavorando da molti mesi per rendere quest’edizione indimenticabile» spiegano i giovani organizzatori. «Potremo contare su ospiti prestigiosi e sulla vivacità di tanti giovani che si stanno aggregando in questi mesi. Ringraziamo le attività commerciali che stanno contribuendo economicamente al nostro progetto, nella consapevolezza che sostenere i giovani significa investire sul futuro del territorio.»